Post

Giornata dei calzini spaiati

Immagine
 Il primo venerdì di febbraio ogni anno si celebra la giornata dei calzini spaiati. Questa iniziativa è stata lanciata nel 2010 proprio da una scuola primaria come la nostra per spronare al rispetto verso chi è diverso da sé. Oggi abbiamo voluto dare importanza in classe al contenuto sotteso a questo semplice gesto di mettere due calzini differenti ai piedi. Chi non sapeva o si era dimenticato di questa ricorrenza ha avuto l’idea di girare al contrario uno dei suoi calzini uguali: basta questo per rendere già ciò che abbiamo ai piedi diverso uno dall’altro. Attraverso giochi e attività a tema i nostri bambini hanno così compreso l’importanza di sapersi accettare nella propria unicità e la ricchezza della diversità. 

Buon Natale a tutti!

Immagine
 Il mese di dicembre è stato ricco di impegni e celebrazioni che ci hanno preparato al Natale. I gesti di solidarietà, l’elevazione natalizia, la celebrazione dell’Eucaristia con il nostro “Sì alla vita”: tanti momenti importanti per non rimanere singole note che suonano a vuoto, ma diventare, come ha detto don Marco nella sua omelia, mettendoci insieme, una sinfonia che suona la melodia della pace.  BUON NATALE A TUTTI!

Visita al Presepe

Immagine
 In questi giorni i nostri bambini stanno visitando una bellissima mostra dei presepi a Villa Calvi. I bambini sono rimasti affascinati dai tantissimi presepi presenti, tutti diversi e speciali! Una mostra speciale per avvicinarsi al santo Natale!

Il festival del legno

Immagine
 In questi giorni la città di Cantù è protagonista del festival del legno. I bambini della nostra scuola hanno così potuto partecipare a una serie di attività proposte dal territorio e assistere in occasione di questa decima edizione alla nascita  del Museo Diffuso Città di Cantù.  In particolare le classi, Prima Seconda e Terza hanno visitato il MBC (Museo dei Bambini Cantù) una mostra curata da Simona Maspero e Isabella Livio in cui hanno potuto scoprire il legno attraverso i sensi e l’uso di alcuni strumenti come lo stetoscopio, il guanto, la lente di ingrandimento. Dopo la visita al museo con la tecnica del frottage hanno osservato e analizzato, in un laboratorio dedicato, le venature del legno e si sono appassionati a questo materiale.

Pronti per l’Open day?

Immagine
  Questa è la nostra scuola… vieni a conoscerci!

Bookfest horror show

Immagine
Le nostre classi Seconda e Terza, Quarte e Quinte nelle giornate di giovedì 27 e venerdì 28 ottobre hanno partecipato nel Teatro di San Teodoro al festival letterario per bambini, incontrando gli autori Giuditta Campello e Francesco Ramilli.  Hanno ascoltato storie paurose tratte dai loro libri “Mistero al cimitero” e “Il mistero si Poggio Ortica”, posto domande agli scrittori e ascoltato buona musica dal vivo. Le giornaliste Carla Colmegna e Giovanna Canzi hanno organizzato e condotto l’incontro.  Approfittiamo dell’occasione per dirvi che questi sono due dei libri che potreste decidere di donare alla nostra Scuola Primaria in occasione dell’iniziativa nazionale “ Io leggo perché ”, recandovi nelle librerie con cui siamo gemellati, “Libooks” e “Spazio Libri La Cornice”, dal 5 al 13 novembre 2022. Noi ci contiamo per leggere in classe tante nuove storie e arricchire le nostre biblioteche.  Grazie di cuore a chi vorrà partecipare!

Ultime notizie

Immagine
Stamattina Suor Ester, come fa sempre, ha portato ai bambini e alle bambine di Terza A il giornale di attualità pensato per loro da Avvenire: Popotus.  La domenica Popotus è più accattivante e colorato e questa volta Suor Ester ne ha portate più copie, così a gruppetti i bambini si sono messi a leggere le notizie. Immediatamente ha cominciato a serpeggiare uno stato di agitazione.  “Maestra, maestra oggi ci sarà un’eclissi di Sole!”.  Come perdere un’occasione del genere? Così alle 11.15 puntuali, come diceva il giornale, con la LIM la classe si è collegata con il canale YouTube dell’Istituto Nazionale di Astrofisica “Edu Inaf” e ha potuto osservare attraverso i telescopi di diverse città di Italia questo fenomeno naturale. E come tutti gli scienziati, quando si fa una scoperta, è impossibile tenerla per sè e così i bambini di Terza lo hanno detto anche agli amici di Quinta A e insieme hanno condiviso questa bellissima esperienza nata per caso in un giorno di scuola che così è diventat

Uniti nella preghiera, per la pace

Immagine
Oggi alle 14 tutte le alunne e tutti gli alunni della Scuola Primaria si sono ritrovati nel cortile per pregare insieme e unirsi alla preghiera di tante altre comunità e scuole in tutto il mondo. Recitando due decine del Santo Rosario, abbiamo chiesto alla Madonna di intercedere per l’unità e la pace. Questa iniziativa, promossa da anni dalla fondazione “Aiuto alla Chiesa che soffre” e ricordata nell’Angelus da Papa Francesco domenica scorsa, ci ha interpellati e noi abbiamo risposto come Maria: “Sí!”.  

Accoglienza: un momento importante.

Immagine
Il primo giorno di scuola è per i bambini di prima e le loro famiglie un momento ricco di emozioni e aspettative. La nostra scuola da sempre cura il momento dell’accoglienza sapendo che è uno dei ricordi che il bambino probabilmente porterà con sè per diverso tempo e che segnerà in modo importante l’inizio del nuovo percorso scolastico.  Far sentire accolto e accettato ogni bambino è la nostra prerogativa.  Dedicare attenzione a questo momento. Prepararlo con cura nei particolari. Viverlo tutti insieme studenti, insegnanti e suore è sentirsi Chiesa: famiglia che accoglie altre famiglie. Canti, regali, foto ricordo e una sorpresa inaspettata hanno accolto, il primo giorno di scuola, le nostre bambine e i nostri bambini di Prima A. Sorpresa inaspettata? Ma di cosa staremo mai parlando? Ma certo… quest’anno a sorpresa è arrivato lui…proprio lui… Capitan Uncino… direttamente dall’Isola che non c’è solo per loro!  Il periodo dell’inserimento non si è ancora concluso, ma con Capitan Uncino a

Laboratorio di body percussion

Immagine
Lo sapevate che il nostro corpo è un meraviglioso strumento musicale?  No, non stiamo parlando della voce! È proprio del nostro corpo che parliamo: fatto di braccia, gambe, piedi, dita, cassa toracica…  Noi, bambine e bambini della scuola Primaria, abbiamo scoperto che è possibile “percuoterlo” a ritmo di musica in un fantastico pomeriggio passato a studiare una famosa canzone dei Queen. Il laboratorio è parte del progetto “Qui si fa la musica”, sfondo integratore di questo anno scolastico. La canzone scelta è stata “We will rock you” e questa è la nostra BODY PERCUSSION.

Lettori fissi